Nota Icqrf sui documenti di accompagnamento

Precisazioni sui documenti da utilizzare per l’esportazione

L’Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agro-alimentari con una comunicazione dell’8 agosto scorso, diretta ai propri uffici periferici , ha fornito ulteriori precisazioni per chiarire alcuni aspetti che hanno dato origine a non corrette interpretazioni della normativa.
Con riferimento all’esportazione di prodotti vitivinicoli sottoposti ai vincoli di circolazione derivanti dalla disciplina delle accise (vino imbottigliato), da parte di titolari di depositi fiscali, è stato ribadito quanto già indicato nella circolare n. 11289 del 26 luglio 2013 e segnatamente, nel prospetto n. 2 dell’Allegato II: il documento riconosciuto dall’art. 24, paragrafo 1, lettera b), del Reg. (CE) n. 436/2009 è il documento e-AD, cioè la copia stampata del documento elettronico oppure di un altro documento commerciale (Es. fattura accompagnatoria), recanti il codice ARC (salva l’applicazione delle procedure di riserva di cui all’art. 26 della direttiva n. 118/2008 e ss.mm.).
Il modello MVV, è stato chiarito,  resta riservato agli speditori di prodotti non sottoposti ad accisa (uve, mosti, ecc.)ed agli speditori che siano “piccoli produttori” e pertanto lo stesso non può essere utilizzato nel caso in cui il trasporto debba essere accompagnato da un e-AD.
Infine si è confermato che ai sensi dell’articolo 17, comma 1, del DM 2 luglio 2013 il documento di cui al decreto direttoriale 14 aprile 1999 resta riservato esclusivamente ai trasporti che iniziano e terminano sul territorio nazionale e pertanto non può essere utilizzato per i trasporti a destinazione di un Paese terzo.
Pertanto l’Icqrf ha confermato che non è possibile utilizzare il Modello MVV oppure il documento di cui al decreto direttoriale 14 aprile 1999 (cosiddetto ddt vitivinicolo) per l’esportazione di prodotti vitivinicoli sottoposti ai vincoli di circolazione derivanti dalla disciplina delle accise (vino imbottigliato), da parte di titolari di depositi fiscali.

Related posts

Commenta questo articolo

Top